Fedeazione

Lunedì, 22 Dicembre 2014

.. in Agenda

No current events.



w3c css valid

#ioscioperoperilcontratto

banner-sito-SEC-GRAZIE_neg

News CISL & FP

Buone Feste PDF Stampa E-mail
Scritto da Cisl Fp Difesa   
Mercoledì 17 Dicembre 2014 17:54

NativitconSanGiorgioeSanVincenzoFerrerR400

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Filippo Lippi  Natività con San Giorgio e San Vincenzo Ferrer

 

Buon Natale e sereno 2015

Ultimo aggiornamento Mercoledì 17 Dicembre 2014 18:28
 
distinzione delle funzioni del personale civile e militare. PDF Stampa E-mail
Scritto da Cisl Fp Difesa   
Mercoledì 10 Dicembre 2014 11:52

difesa_2_Pagina_1La Legge 31 dicembre 2012, n. 244, cioè la delega al Governo per la revisione dello strumento
militare, fissa obiettivi ambiziosi:
1. efficacia e sostenibilità del sistema Difesa;
2. revisione delle spese;
3. operatività e integrabilità dello strumento militare in contesti internazionali;
4. assolvimento dei compiti istituzionali delle forze armate.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 10 Dicembre 2014 12:05
Leggi tutto...
 
INCONTRO STATO MAGGIORE ESERCITO 4 dicembre 2014 PDF Stampa E-mail
Scritto da Cisl Fp Difesa   
Giovedì 04 Dicembre 2014 21:51

sme

In data odierna si è tenuto il programmato incontro con lo Stato Maggiore Esercito nel corso del quale ci è stata fornita informazione in merito a provvedimenti di riorganizzazione della Forza Armata alcuni dei quali oggetto di precedenti sessioni informative.

Attachments:
FileFile size
Download this file (Briefing OS del 4 dicembre 2014.pdf)Briefing OS del 4 dicembre 2014.pdf1938 Kb
Ultimo aggiornamento Venerdì 05 Dicembre 2014 11:37
Leggi tutto...
 
Scrima: la Cisl rilancia la richiesta di rinnovare i contratti. Se non avremo risposta, nuovi percorsi di mobilitazione PDF Stampa E-mail
Scritto da Cisl Fp Difesa   
Lunedì 01 Dicembre 2014 20:50

Sciopero 1dic2014 GRAZIECon lo sciopero di oggi, che ha visto una significativa partecipazione anche nelle manifestazioni e presidi organizzati a Roma e in ogni provincia dalle strutture di categoria e confederali, abbiamo dato voce in tutta Italia alle ragioni del lavoro pubblico. Un grazie va a tutte le lavoratrici e i lavoratori che scioperando hanno dato al governo un segnale chiaro e inequivocabile, in coerenza con gli obiettivi della manifestazione dell’8 novembre: rivendicano il loro diritto al rinnovo del contratto, come atto concreto di riconoscimento della funzione che svolgono al servizio della collettività, indicano nel confronto e nel negoziato la via maestra per politiche di vera riforma della pubblica amministrazione.
Scuola, sanità, università e ricerca, sicurezza e pubblica amministrazione subiscono da troppo tempo scelte sbagliate e miopi; la riduzione pesante dei posti di lavoro, il congelamento delle retribuzioni e in molti casi un loro arretramento, l’aggravio generalizzato delle condizioni di lavoro hanno avuto come unico risultato quello di mettere a dura prova lo possibilità di offrire all’utenza servizi efficaci e di qualità. In questo senso l’azione dell’attuale governo si pone in termini di sostanziale continuità con quella dei governi precedenti, nonostante le conclamate ambizioni innovative. Il cambiamento e le riforme non si fanno senza e tantomeno contro i lavoratori, la cui professionalità e la cui esperienza devono al contrario essere assunte come fattori decisivi su cui far leva per sostenere processi di innovazione e riqualificazione dei servizi. Anche a questo servirebbe un rinnovo dei contratti, e sorprende come questo governo continui a non rendersene conto.
Dopo lo sciopero di oggi la Cisl Lavoro Pubblico rilancia la sua richiesta al governo di aprire immediatamente il confronto per i rinnovi contrattuali, pronta a mettere in atto, se non ci saranno concrete risposte, ulteriori percorsi di mobilitazione.

ScioperoCisl PI 1dic2014

TG CISL 1 dicembre 2014 -

Contratti: Sciopero statali. Furlan: le risorse si trovano

Ultimo aggiornamento Martedì 02 Dicembre 2014 17:20
 
Ancora rilievi al nostro CCNI......... PDF Stampa E-mail
Scritto da Cisl Fp Difesa   
Mercoledì 17 Dicembre 2014 12:17

 sotto_osservazioneAnche quest'anno si sono abbattuti sul nostro CCNI 2014 i controlli previsti dall'articolo 40-bis, comma 2, del D.lgs. n. 165/2001, della Funzione Pubblica. Controlli che hanno eccepito rilievi sia relativamente all'equiparazione delle presenze ad assenze, ai fini del riconoscimento delle singole indennità, sia relativamente l'articolo 11, lettera a), e lettera d) richiedendo un più puntuale rispetto della disciplina prevista dall'art. 45, comma 3, del d. 19s. n. 165/2001

Ormai, sembra, che il Dipartimento della Funzione Pubblica riservi una particolare attenzione all’ attività contrattuale del Ministero della Difesa

Attachments:
FileFile size
Download this file (Ancora rilievi al nostro  CCNI.pdf)Comunicato Unitario 16 dic 2014134 Kb
Ultimo aggiornamento Mercoledì 17 Dicembre 2014 12:26
Leggi tutto...
 
linee guida per le funzioni e gli organici del personale civile della difesa PDF Stampa E-mail
Scritto da Cisl Fp Difesa   
Martedì 09 Dicembre 2014 10:48

2014_12_05News_Difesa_Pagina_1

Il confronto che abbiamo avuto con la parte pubblica in occasione della definizione dei decreti delegati attuativi della Legge delega relativa alla revisione dello strumento militare nazionale, hanno prodotto alcuni risultati importanti. È questo il terreno su cui ora dobbiamo portare avanti la discussione per passare all’attuazione concreta.

L’obiettivo è arrivare ad una vera razionalizzazione delle risorse umane del Ministero, che possa garantirgli funzionalità ed efficienza organizzativa. E che non può prescindere dalla valorizzazione del personale civile, anzitutto distinguendone chiaramente le funzioni rispetto alla componente militare.

A questa priorità se ne legano altre: attuare iniziative mirate per il reclutamento di personale (soprattutto nell’area tecnico industriale) e perfezionare il decreto relativo alla tabella di equiparazione tra civili e militari. Su quest’ultima in particolare il confronto ha prodotto una proposta condivisa, che tuttavia non è stata ancora tradotta in un atto ufficiale

 

Ultimo aggiornamento Martedì 09 Dicembre 2014 10:55
 
incontro con il sottosegretario rossi 3 dicembre 2014 PDF Stampa E-mail
Scritto da Cisl Fp Difesa   
Giovedì 04 Dicembre 2014 17:45

tavolo_vuotoSi è tenuto il 3 dicembre 2014 il previsto incontro tra le parti convocato dal Sottosegretario alla difesa, On. Domenico Rossi, per dare concreto seguito agli impegni assunti nell'ambito della riunione svolta lo scorso 21 novembre e offrire adeguate soluzioni agli argomenti che ormai da troppo tempo Fp Cgil, Cisl Fp e Uil segnalano come punti ineludibili di assoluto rilievo ed interesse per i lavoratori del settore.

Nello specifico, abbiamo subito cominciato ad affrontare la questione afferente la gestione dei soprannumeri residui,

Ultimo aggiornamento Giovedì 04 Dicembre 2014 17:48
Leggi tutto...
 
Contro il blocco contratti chiediamo l’intervento della Corte Costituzionale -Cisl Lavoro Pubblico: “Governo pessimo datore di lavoro” PDF Stampa E-mail
Scritto da Cisl Fp Difesa   
Venerdì 28 Novembre 2014 13:01
 

lavoropubblico

“Le federazioni della Cisl Lavoro Pubblico hanno depositato il ricorso sul blocco dei contratti nel pubblico impiego”. Ad annunciarlo è Francesco Scrima, coordinatore della Cisl Lavoro pubblico. La procedura – precisa - è stata avviata “presso il Tribunale di Roma affinché il medesimo Tribunale sollevi di fronte alla Corte Costituzionale la questione di legittimità in merito al decreto legge n. 78/2010 convertito in legge n. 122/2010. Una norma prorogata per il sesto anno dalla legge di stabilità e che incide pesantemente sulla condizione salariale dei dipendenti pubblici”.
"La discriminazione e le penalizzazioni cui il Governo Renzi sta continuando a sottoporre il lavoro pubblico – aggiunge Scrima - lo connota come un pessimo datore di lavoro: non solo persevera nella politica dei tagli lineari, senza fare riorganizzazione degna del nome, ma continua a scaricare sui lavoratori la sua incapacità di mettere un freno alla spesa pubblica. Lo dimostra il fatto che la spesa aumenta nonostante siano diminuiti sia i lavoratori occupati (meno 300.000), sia i loro stipendi. Ora, bloccando ancora una volta i contratti, chiude la porta sia al diritto dei dipendenti pubblici ad un rinnovo che aspettano da quasi sei anni, sia all’unica leva efficace di innovazione”.
“La Consulta in passato si è già pronunciata dichiarando l'ammissibilità di misure simili solo in chiave emergenziale e in modo circoscritto nel tempo. E comunque garantendo criteri di proporzionalità e ragionevolezza, nel rispetto del principio di eguaglianza sancito dall’art.3 della Costituzione” spiega il coordinatore dei settori pubblici Cisl. “E’ inaccettabile che queste misure si dilatino, fino a diventare strutturali, solo perché i vari governi avvicendatisi in questi anni non sono mai stati in grado di proporre un progetto credibile e hanno sempre avuto bisogno di strumentalizzare le comprensibili attese dei cittadini a danno di chi, in prima linea, fa funzionare i servizi pubblici con impegno, fatica e senza riconoscimenti”
“Con lo sciopero di lunedì 1° dicembre e con iniziative come questa – conclude Scrima – mandiamo al Governo un segnale chiaro: diciamo no ad un nuovo blocco dei contratti. Perché contrario agli interessi dei lavoratori, che chiedono un giusto sostegno ai salari, e a quelli dei cittadini, che vogliono più produttività e più qualità nei servizi pubblici”.

 

Allegati:
Download this file (2014-11-28 comunicato Cisl LP ricorso blocco contratti 2.pdf)Comunicato stampa
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 53